Arcospace
Pagina iniziale

Arcospace

ARCOSPACE è un insieme di progetti promossi da Novo Millennio, nati nel lavoro di co-progettazione sul territorio del servizio ARCONAUTA, e che pongono al centro percorsi di inclusione e socializzazione a favore delle persone con disabilità, favorendo l’incontro con il territorio con l’idea di dare avvio, in alcuni casi, ad attività rivolte a tutti i cittadini interessati.

Presentiamo nello specifico le iniziative più rilevanti che in questa logica sono state attivate o alle quali la cooperativa ha deciso di aderire con convinzione:

  • Partner con funzioni di coordinamento del progetto di rete – “TikiTaka – equiliberi di essere”
  • SMS – Spazio musica scuola “Una musica può fare”
  • Ma la notte … no?

Novo Millennio, Partner con funzioni di coordinamento del progetto TIKITAKA equiliberi di essere

TikiTaka è un progetto sostenuto da Fondazione Cariplo, attivo nei Comuni del Monzese e Desiano, che ha l’obiettivo di rendere le nostre comunità più accoglienti e inclusive nei confronti della diversità, imparando che dietro a ciò che comunemente viene visto come “limite” e “mancanza”, può nascondersi invece una risorsa, per tutti.

Le persone con disabilità e il loro valore sociale sono al centro del progetto TikiTaka, la cui ambizione è trasformare la percezione diffusa che li vede come semplici utenti di servizi, ad attori chiave nella definizione del proprio percorso di vita e preziose risorse per lo sviluppo sociale del territorio.

Al centro del progetto vi è l’attivazione di una rete di soggetti del territorio, dalle famiglie stesse, ai servizi, fino alle associazioni sportive, alle imprese, ai commercianti, parte integrante e fondamentale nel processo di co-progettazione e nell’attuazione di esperienze concrete che possano fare emergere il valore sociale delle persone con disabilità.

Le azioni di progetto in sintesi:

  • TikiTaka Lab – Luoghi di intelligenza collettiva organizzati in diverse aree territoriali e aperti a tutti: persone con disabilità, genitori, cittadini, operatori, politici, volontari….

Lo scopo? Generare idee e proposte utili per promuovere azioni di inclusione all’interno della comunità che possano rappresentare un plus non solo per le persone con disabilità, ma per l’intera città, su diverse tematiche quali il tempo libero e lo sport, l’abitare, il lavoro, percorsi di cittadinanza attiva, ecc.

  • TikiTaka Fab – Espressione concreta ed evoluzione dei LAB, danno vita a percorsi ed esperienze nelle quali persone con disabilità e non, trovano occasioni per esprimersi, realizzare i propri sogni e vivere il proprio presente
  • TikiTaka Housing – con lo stesso metodo dei LAB-FAB, progettazione e realizzazione di esperienze innovative di abitare in autonomia, utilizzando anche patrimonio privato e nella logica comunitaria (co-housing, condominio solidale, ecc.)
  • TikiTaka Think Tank – Spazio di rielaborazione di pensiero sulle esperienze di inclusione e costruzione di modellizzazioni possibili
  • #TikiTaka – Promozione culturale del valore sociale della disabilità, anche connesso alla raccolta fondi e people raising

Il progetto “TIKITAKA – Equiliberi di essere” è realizzato da 8 realtà che hanno unito le forze per il bene della comunità: Consorzio Desio – Brianza come capofila, Il Seme, Solaris, Tre Effe, Il Brugo, L’iride, Fondazione Stefania e Novo Millennio. Un gruppo coeso inserito all’interno di una grande rete composta dai Comuni di Desio, Monza, Brugherio, Cesano Maderno, Muggiò, Varedo, Limbiate, Nova Milanese, Bovisio Masciago, Villasanta, insieme ad oltre 40 realtà del territorio tra cooperative e associazioni impegnate sulla disabilità, istituzioni scolastiche, culturali, parrocchie, associazioni sportive e imprese profit, Fondazione Comunità Monza e Brianza, Ats Brianza, Provincia MB, Associazioni di categoria, organizzazioni sindacali.

Riferimenti e contatti

Giovanni Vergani – coordinatore di progetto

Cell. 335292196

Per maggiori informazioni si rimanda al sito:

SMS – Spazio Musica Scuola “Una musica può fare”

Il progetto “Una musica può fare” nasce all’interno della rete di co-progettazione TikiTaka con l’idea di creare sul nostro territorio una “Scuola di musica” integrata rivolta a persone del territorio e persone con disabilità, di qualunque fascia di età.

01. Chi accogliamo

SMS è uno spazio di insegnamento musicale che accoglie tutte le persone che vogliono imparare a suonare uno strumento. In particolare l’attenzione è posta sullo sviluppo di una didattica musicale sperimentale e specifica per l’insegnamento rivolto a persone con fragilità/disabilità.

02. Come funzioniamo

Le lezioni di musica, della durata di un’ora, si svolgono dal martedì al venerdì dalle 16.30 alle 19.30.
La proposta didattica è di una lezione settimanale e si struttura su semestri e annualità, per un totale di 26 lezioni all’anno. È possibile iscriversi anche a più corsi contemporaneamente.

03. Cosa offriamo

Due sono gli ambiti di azione e sviluppo:

1) “fare musica” con l’attivazione di lezioni individuali o a piccoli gruppi per lo studio della musica, anche attraverso la ricerca e l’utilizzo di risorse/dispositivi/hardware/software che permettano l’accesso facilitato alle persone con disabilità più complesse

I corsi attivati:

  • chitarra
  • basso
  • pianoforte
  • tastiere
  • batteria
  • percussioni
  • sax
  • voce
  • coro
  • corsi propedeutici per bambini

2) “ascoltare musica” attraverso l’organizzazione e promozione di eventi musicali e di lezioni concerto presso la sede di SMS, in piazze, auditorium, teatri, ecc. accessibili anche a persone con disabilità complessa.

04. I docenti

SMS si avvale di docenti qualificati che hanno svolto un percorso di studio di musica classica e/o moderna ed abbiano contemporaneamente anche una competenza o un titolo pedagogico.

06. Volontari

La gestione di SMS è garantita, oltre che dallo staff operativo, da alcuni genitori e volontari che hanno messo a disposizione gratuitamente la loro competenza professionale e la passione per la musica con funzioni di coordinamento ed organizzative.

05. Con chi operiamo

Il progetto di SMS “Una musica può fare” è nato dall’incontro del progetto “La stanza della musica”, iniziativa attivata nel 2011 dal servizio Arconauta e il progetto di rete “TikiTaka”, sostenuto da Fondazione Cariplo all’interno del programma Welfare in azione, che coinvolge circa una trentina di soggetti del territorio sul tema del valore sociale della persona con disabilità. In particolare l’idea progettuale “Una musica può fare” è stata costruita all’interno del LABoratorio “tempo libero”. Il metodo di lavoro della co-progettazione che vede il coinvolgimento di pubblico, realtà del terzo settore, genitori, persone con disabilità, cittadini, rende l’ipotesi progettuale fortemente ancorata al territorio.
In particolare la scuola di musica è stata costruita in collaborazione con le cooperative Il Brugo e Solaris.

07. Costo dei corsi

Lezione individuale

Costo semestrale: 350 euro

Costo annuale: 650 euro

Lezione a coppia o in gruppo

Costo semestrale: 200 euro

Costo annuale: 390 euro

Le prime due lezioni sono gratuite.

In caso di assenza del docente la lezione viene recuperata.

In caso di iscrizione di due fratelli, verrà applicato uno sconto del 50% sulla seconda quota.

09. Contatti

Alessandro Roca

Cell. 3355975805

Mail: spazioscuolatikitaka@novomillennio.it

08. Dove siamo

SMS – Spazio Musica Scuola “Una musica può fare” si trova a Monza in Via Montecassino 8, in una zona semi-centrale della città a ridosso del parco.
È raggiungibile con la linea Z208 della Brianza Trasporti (fermata via Lecco angolo via Baracca)

PROGETTO – “Ma la notte…no?”

“Ma la notte …no?” è un progetto di avvicinamento alla residenzialità rivolto a persone con disabilità complessa. Da diversi anni la cooperativa Novo Millennio, grazie al contributo della Fondazione Monza e Brianza, ha attivato numerosi percorsi di esperienze “fuori casa” per diverse persone con disabilità, nella convinzione che fare esperienza di benessere nella quotidianità, in un luogo altro dalla famiglia, sia un passo fondamentale nell’accompagnamento verso un futuro abitare nel “dopo di noi”.  Vivere oggi il diritto di esperienze di abitare di uno o più giorni tocca la qualità della vita delle persone, riconosciute nella loro capacità di poter creare nuove forme di interdipendenza oltre il proprio nucleo familiare e fare esperienza di un futuro possibile. Sperimentarlo nell’oggi crea la possibilità di avvicinarsi ai tempi del distacco con minore fatica e sofferenza sia per la persona con disabilità che per la propria famiglia.

“Ma la notte…no?” ha l’obiettivo di far sperimentare a un numero crescente di utenti situazioni di residenzialità e distacco dalla famiglia in appartamento, per favorire, rinforzare e sviluppare, in base alle caratteristiche individuali, le autonomie in un contesto adeguato alle esigenze delle persone accolte.

Il progetto è stato condiviso e attivato all’interno del percorso di “Famiglie e disabilità” promosso dal Comune di Monza e ha visto la partecipazione e la co-progettazione di familiari.

Il gruppo di lavoro di approfondimento delle tematiche legate all’abitare di persone con disabilità è confluito nel LAB Housing del progetto TikiTaka – equiliberi di essere, dentro il quale si stanno costruendo possibili forme di sviluppo, in particolare in co-progettazione con i familiari, le cooperative Il Brugo e L’Iride e l’Associazione “All’ora di cena”. 

01. Chi accogliamo

Il progetto è rivolto a persone con disabilità complessa, che frequentano i centri diurni del territorio monzese. I singoli percorsi di avvicinamento sono condivisi e costruiti con i servizi sociali di riferimento.

02. Cosa offriamo

Percorsi di una o più notti al mese all’interno di contesti abitativi idonei alle esigenze delle persone e collocati nel territorio per favorire relazioni di buon vicinato e relazioni nella vita di quartiere.

03. Come funzioniamo

La proposta viene fatta a gruppi di tre/quattro persone affiancati da operatori in un rapporto di uno a due e da volontari nelle ore pomeridiane e serali. Ad ogni gruppo vengono proposte una o più notti al mese infrasettimanali (dalle 15.30 alle 10.00 del mattino successivo, partendo dal e ritornando al centro di riferimento) a seconda del percorso condiviso con la famiglia e i servizi sociali che hanno in carico la persona.

04. Come accedere

È possibile avere informazioni sul progetto contattando il referente. Si accede al servizio tramite accordo progettuale con i servizi sociali di riferimento.

05. Costi

I costi sono coperti in parte dal contributo della Fondazione Monza e Brianza, in parte dalla Cooperativa Novo Millennio, in parte dal contributo delle famiglie e in parte attraverso le diverse iniziative di autofinanziamento.
Alle famiglie viene richiesto un contributo di 80 euro + IVA ad intervento (sera/notte dalle 15.30 alle 10.00 del mattino successivo) comprensivi di vitto, alloggio, trasporto e assistenza educativa, a parziale copertura dei costi di progetto, che sono a carico della Cooperativa Novo Millennio e delle altre realtà coinvolte, con il sostegno dei servizi sociali di residenza, e attraverso diverse iniziative di autofinanziamento.

06. Contatti

Giovanni Vergani
Cell. 335292196

Vuoi vivere un anno e crescerne cento?

Svolgi con noi il SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Contatta serviziocivile.caritasambrosiana.it e iscriviti al bando.

Verrai contattato per un colloquio di conoscenza.

Il percorso è riservato ai giovani 18-28 anni, è dinamico, è retribuito.